Questo sito utilizza cookie tecnici, di sessione e analytics (utilizzati per raccogliere informazioni, in forma aggregata) per offrire una migliore navigazione. Qualsiasi diverso utilizzo dei cookie (quelli di profilazione) non dipendenti dal sito ma da soggetti esterni sono chiaramente ignoti. Navigando sul sito o digitando sul pulsante chiudi acconsenti all'utilizzo della nostra politica di utilizzo dei cookie. Per saperne di più digita sul pulsante maggiori informazioni.

Mondo Funghi  

   

Link associati  

   
Il Fungo del mese: Giugno


Hygrocybe conica (Schaeff.) P. Kummer, 1871




Inquadramento sistematico e tassonomico: Regno Fungi, Divisione Basidiomycota, Classe Basidiomycetes, Ordine Agaricales, Famiglia Hygrophoraceae, Genere Hygrocybe, specie conica (Schaeff.) P. Kummer, 1871

Origine nomenclatoria: dal greco ύγρóς (hygros) = umido e κυβή (kybe) = testa

Basidioma: omogeneo; pileo-stipitato, snello, ma non esile, carnoso-ceroso, fragile, singolo o gregario.

Pileo: fino a 6 cm, conico-campanulato, tardivamente convesso, infine convesso applanato, mai del tutto spianato, con umbone più o meno acuto al disco, a margine revoluto e lobato; cuticola liscia, vischiosa-glutinosa, da giallo-oro a giallo-arancio a rosso-arancio, fino a nero pece tardivamente; corona marginale e margine striati per trasparenza.

Imenoforo: a lamelle sublibere, panciute, strette, non sottili, mediamente rade; di colore giallastro, tardivamente grigio-fuliggine; con lamellule.

Stipite: 2-13 x 0,4-1 cm subcilindrico, fragile, attenuato in basso, fibrilloso, giallastro, ma biancastro in basso, progressivamente annerente.

Carne: cerosa, molto scarsa, giallognola, tardivamente grigia; odore e sapore non significativi.

Spore: 13x7 μm, ellittiche, lievemente ristrette al centro, lisce; bianche in massa; basidi bisporici.

Ambiente di sviluppo: prati e pascoli, tra l’erba e il muschio, tardo estivo autunnale.

Commestibilità: tossico.

Osservazioni: diffuso in prati molto umidi; di difficile discernimento da altre specie simili; agevola il forte viraggio delle carni al nero fuligginoso. Saprotrofo.

Confondibilità: con altre Hygocybe a colori sgargianti.

   
© 2013 A.Mi.T. all rights reserved