Questo sito utilizza cookie tecnici, di sessione e analytics (utilizzati per raccogliere informazioni, in forma aggregata) per offrire una migliore navigazione. Qualsiasi diverso utilizzo dei cookie (quelli di profilazione) non dipendenti dal sito ma da soggetti esterni sono chiaramente ignoti. Navigando sul sito o digitando sul pulsante chiudi acconsenti all'utilizzo della nostra politica di utilizzo dei cookie. Per saperne di più digita sul pulsante maggiori informazioni.

Mondo Funghi  

   

Link associati  

   
Il Fungo del mese: Giugno


Amanita gioiosa (S. Curreli) - 1991




Inquadramento sistematico e tassonomico: Regno Fungi, Divisione Basidiomycota, Classe Basidiomycetes, Ordine Agaricales, Famiglia Amanitaceae, Genere Amanita, specie gioiosa.

Origine nomenclatoria: di aspetto vivace.

Basidioma: omogeneo, pileo-stipitato, di dimensioni medio-grandi.

Pileo: da 3 a 14 cm, da globoso-convesso a spianato, talvolta depresso in maturità; la cuticola varia dalle colorazioni giallo-crema a quelle giallo-brune; spesso ornata di placche irregolari biancastre.

Imenoforo: a lamelle libere, bianche, fitte, piuttosto regolari, simili tra di loro nella forma e con tagliente seghettato, intercalate da lamellule.

Stipite: sub-cilindrico, le dimensioni variano da 6 a 12 cm, piuttosto robusto e tenace, superficie liscia e dalla colorazione bianca; anello membranoso e fugace; termina con base napiforme; la volva è submarginata con piccoli frammenti di velo generale aderenti alla base del gambo.

Carne: bianca, soda, odore e sapore subnulli.

Spore: 11×6,5-8 μm, subglobose, non amiloidi, ialine; bianche in massa.

Ambiente di sviluppo: fungo simbionte, boschi di castagno ed eucalipti in presenz di cisto, dalla primavera all’autunno.

Commestibilità: non nota.

Osservazioni: fungo non comune e localizzato; cresce diffusamente nella Sardegna Sud-Occidentale.

   
© 2013 A.Mi.T. all rights reserved