Questo sito utilizza cookie tecnici, di sessione e analytics (utilizzati per raccogliere informazioni, in forma aggregata) per offrire una migliore navigazione. Qualsiasi diverso utilizzo dei cookie (quelli di profilazione) non dipendenti dal sito ma da soggetti esterni sono chiaramente ignoti. Navigando sul sito o digitando sul pulsante chiudi acconsenti all'utilizzo della nostra politica di utilizzo dei cookie. Per saperne di più digita sul pulsante maggiori informazioni.

Mondo Funghi  

   

Link associati  

   
Il Fungo del mese: Agosto


Amanita caesarea (Scop.) Pers., 1801




Inquadramento sistematico e tassonomico: Regno Fungi, Divisione Basidiomycota, Classe Basidiomycetes, Ordine Agaricales, Famiglia Amanitaceae Genere Amanita specie caesarea

Nome comune: Ovolo buono

Origine nomenclatoria: Dal latino caesareus, dei Cesari

Basidioma: eterogeneo, costituito da cappello e gambo, di dimensioni medio-grandi.

Pileo: dimensioni fino a 20 cm, carnoso, convesso, espanso, poi appianato a maturità, margine e corona marginale striati; la cuticola è separabile, umida, dalle colorazioni rosso arancio uniforme, provvista talvolta di residui velari membranacei bianchi.

Imenoforo: a lamelle molto fitte, libere rispetto al gambo, di colore giallo tuorlo d’uovo, giallo-dorato intercalate da lamellule.

Velo generale: membranaceo, spesso, di colore bianco, soventemente in vistosi lembi sul cappello, alla base lascia una volva a sacco, libera al gambo, festonata o lobata nella parte superiore, abbastanza tenace e spessa sino a 3 mm, di colore biancastro.

Stipite: cilindrico, anche molto slanciato, rastremato verso l'alto, attenuato alla base; internamente midolloso a maturità cavo, biancastro all’interno, zona corticale gialla.

Velo parziale: in forma di anello, supero, membranoso, gonnellino, giallo e striato radialmente sulla faccia superiore.



Carne: soda ma più fragile alla base del gambo, biancastra, ma gialla sotto la cuticola e nelle zona periferica del gambo, evidente alla sezione, odore debole, sapore gradevole.

Spore: 12x7 μm, ellissoidi-ovali, bianche, non amiloidi, sporata in massa giallina.

Ambiente di sviluppo: in genere cresce in maniera solitaria o in piccoli gruppi nei boschi di latifoglia, fino a 900 m circa, predilige zone temperate ma calde e secche, dall’estate all’autunno.

Commestibilità: commestibile, molto ricercata ed apprezzata

Osservazioni: per via della ricerca intensiva, in alcune zone, sta diventando sempre più raro;



Confondibilità: l’abitudine di raccoglierlo allo stadio di ovolo chiuso può risultare molto pericolosa per la confusione con l’ovolo di Amanita mortali.

   
© 2013 A.Mi.T. all rights reserved